Libri

Ferdinand de Saussure, il linguista senza qualità, Edizioni ETS, Pisa 2013, pp. 28, € 6 ISBN 978-884673786-1

"Un uomo siffatto è però un caso tutt'altro che semplice. Poiché le sue idee, quando non siano oziose fantasticherie, non sono altro che realtà non ancora nate": sul bordo del baratro della Modernità matura, Robert Musil ritrae così, e con altri complementari pennellate, un tipo ideale di essere umano. A tale tipo corrisponde il protagonista del suo romanzo, celebre e incompiuto; come, per altri versi, vi corrisponde un involontario protagonista del romanzo, forse meno celebre ma altrettanto incompiuto, della linguistica moderna: "Questi possibilisti vivono, si potrebbe dire, in una tessitura più sottile, una tessitura di fumo, immaginazioni, fantasticherie e congiuntivi".

Ferdinand de Saussure moriva nel 1913. In chiusura dell'anno centenario, ecco un punto di vista che, di scorcio, con tratti sommari ma mirati a una secca pertinenza, suggerisce un modo di restituirlo per intero a un possibile futuro della sua fantastica disciplina, così restituendolo, forse, a se stesso.

Il Belpaese. Antonomasie e genio linguistico della nazione, Edizioni ETS, Pisa 2011, pp. 16, € 5 ISBN 978-884673171-5

"Ho letto con gusto la tua Italia antonomastica: è un pezzo letterario e linguistico di livello!" (Francesco Bruni)

"Insomma, grazie soprattutto alla gente di mondo, cui la fantasia (e che fantasia!) non fa mai difetto, ecco il Paese delle antonomasie per antonomasia ovvero, come appunto scrisse presago il Divino poeta, il bel Paese".



Relazioni e differenze. Questioni di linguistica razionale, Sellerio editore, Palermo 2011, pp. 312, € 20 ISBN 88-389-2543-7

Accostarsi alla lingua e alle lingue dal punto di vista della disciplina immaginata da Wilhelm von Humboldt e da Ferdinand de Saussure significa porsi in una prospettiva sperimentale e accorgersi che, dietro ciò che pare risaputo, c'è un universo affascinante e sconosciuto di relazioni e di differenze.

Indice: Farsi strada - Tutto e parti: 1. Sulla problematica esistenza delle parole - 2. Paradossi della paratassi - Funzioni ed esperimenti: 3. Subordinazione finale - 4. Articoli, nomi e altri oggetti linguistici funzionalmente non-identificati - Processi e sistemi: 5. Tempo e tipi: dinamiche morfosintattiche latino-romanze - 6. Greco antico e francese, vedico e italiano: valori di forme predicative - Testi e grammatiche: 7. Armonia differenziale nel volgare di Dante - 8. Linguistica e siciliano antico: le particelle ndi e ni - Proprio e comune: 9. Nomi propri, luoghi comuni - 10. Il circuito delle antonomasie - Pensieri e persone: 11. Ascoli, Saussure, Meillet - 12. Saussure, Jakobson, Chomsky - Varietà e nazione: 13. L'identità linguistica italiana - Principiare e non finire: 14. Faccette di linguistica razionale - Riferimenti bibliografici - Indice analitico - Indice dei nomi.


L'ultra-nazione, Edizioni ETS, Pisa 2010, pp. 16, € 5 ISBN 978-884672872-2

"L'Italia linguistica svela agli Italiani, come agli stranieri che amorosamente desiderano capirli, ciò che gli Italiani sono, forse, non solo dal punto di vista linguistico".






Compendio di sintassi italiana, Il Mulino, Bologna 2009, pp. 240, € 18,50 ISBN 978-881512579-8

Un'essenziale e sistematica introduzione alla sintassi italiana che, con chiarezza, servendosi di esempi e di esercizi e senza trascurare la prospettiva normativa, invita a riflettere su nessi nominali e proposizioni, semplici e complesse.

Indice del volume: I. Sintassi: cos'è? - II. Vedere la sintassi. - III. Pensare la sintassi. - IV. Capire e descrivere la sintassi da una prospettiva funzionale. - V. Predicato. - VI. Soggetto. VII. Oggetto diretto. VIII. Oggetto indiretto e altri complementi. - IX. Proposizione: tipi e livelli di composizione funzionale. - X. Proposizioni riflessive e reciproche. - XI. Altre proposizioni con particella. - XII. Proposizioni con più predicati. - XIII. Nesso nominale: generalità e determinazione. - XIV. Nesso nominale: modificazione. - XV. Composizioni di proposizioni: ipotassi e paratassi. - XVI. Completive e attributive. - XVII. Supplementi predicativi. - XVIII. Proposizioni ed enunciazione: la frase. - Congedo. - Letture consigliate. - Indice analitico.


Questo Quasi Nulla. Aforismi (1997-2007), Edizioni ETS, Pisa 2008, pp. 64, € 10 ISBN 978-884672046-7

Origo
Morto, mi si cremi. E le ceneri sparse in un campo di origano. Ne ricordo di solitari, selvatici e odorosi sui Peloritani. Ne origino. Tornerò aroma di un erba dalla proprietà sensibile d'insaporire gentile la vita.






Morfosintassi latina. Punti di vista, Edizioni ETS, Pisa 2007, pp. 112, € 30 ISBN 978-884671864-8 (con Silvia Pieroni)

"Pour chaque ordre en effet on éprouve le besoin de déterminer l’objet; et pour le déterminer on recourt machinalement à un second ordre quelconque, parce qu’il n’y a pas d’autre moyen offert en l’absence totale d’entités concrètes: éternellement donc le grammairien ou le linguiste nous donne pour entité concrète, et pour entité absolue servant de base à ses opérations, l’entité abstraite et relative qu’il vient d’inventer dans un chapitre précédent. Immense cercle vicieux, qui ne peut être brisé qu’en substituant une fois pour toutes en linguistique la discussion des points de vue à celle des «faits», puisqu’il n’y a pas la moindre trace de fait linguistique, pas la moindre possibilité d’apercevoir ou de déterminer un fait linguistique hors de l’adoption préalable d’un point de vue." (F. de Saussure)

INDICE
Premessa; Dimostrativi e 'ego' fissile (SP); Soggetto e riflessivo (SP); Ipse: interdipendenze sintattiche (SP); Dinamiche sistematiche: scomparsa della declinazione (NLF); Dinamiche sistematiche: perifrasi perfettive e futuro sintetico (NLF); Congedo; Riferimenti bibliografici; Explicit.


Facettes de linguistique rationnelle offertes à Riccardo Ambrosini pour ses quatre-vingts ans, Edizioni ETS, Pisa 2005, pp. 28, ISBN 88-467-1245-9

Opuscolo fuori commercio stampato, in occasione dell'ottantesimo anniversario di Riccardo Ambrosini, in cento esemplari numerati e firmati dall'autore.







Spume d'aria. Centoventicinque spiracoli, Edizioni ETS, Pisa 2004, pp. 40, € 6 ISBN 88-467-0925-x

"Er weiß, es ist alles in den Wind geschrieben. Aber man schreibt um zu atmen" [Canetti]
"Ne me demandez plus mon programme: respirer, n'en est-ce pas un?" [Cioran]

Con questo terzo volume, che segue "Foglie di cactus" [2000] e "Modi di tacere" [2002], Nunzio La Fauci arricchisce di oltre un centinaio di nuove voci la sua personale, quintessenziale enciclopedia.



Fare. Elementi di sintassi, Edizioni ETS, Pisa 2003, pp. 110, € 9 ISBN 88-467-0816-4 (con Ignazio M. Mirto)

Se tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare, per dire quali siano in italiano i valori espressivi del verbo fare occorre attraversare un mare di attestazioni e di usi anche apparentemente eguali ma in realtà diversi e spesso ambigui: fare il giornalista corrisponde a fare il principe di Homburg? E far crollare le Twin Towers è come fare la guerra? Elementare preludio alle proposte di nuove idee sulla natura del linguaggio e illustrazione di problemi che, pur presenti in forme quotidiane dell'espressione, sono esotici alla coscienza dei parlanti, questo libro contiene una serrata analisi delle funzioni sintattiche, cioè armoniche e compositive, che determinano significati e significanti.

INDICE
Premessa: Faccette di fare; 1. Com'è che Eva fece peccare Adamo; 2. Com'è che Adamo fece un peccato; 3. Com'è che Adamo fece l'agricoltore; 4. Com'è che Giovan Battista Andreini fece Adamo; Epilogo: Il paradosso di fare; Nota bibliografica.


Modi di tacere. Settantatré logòtomi, Edizioni ETS, Pisa 2002, pp. 24, € 5 ISBN 88-467-0595-5

"Love is too young to know what conscience is, yet who knows not conscience is born of love?"

La comunicazione contemporanea pullula di modi di dire e lo stereotipo ne alimenta la replica incessante e assordante. Tutti paiono avere qualcosa da dire solo perché hanno raccattato qua e là qualche modo di dirlo. Questo libretto di Nunzio La Fauci va in un’altra direzione ed elenca una settantina d’utili modi di tacere. Sono brevissime espressioni da conservare pronte per il momento (che viene sempre) in cui se ne presentasse la necessità. Non per declamarle ad alta voce, però: per rimemorarle silenziosamente, tacendo. Dal taglio della propria parola scaturisce il pensiero.


Lucia, Marcovaldo e altri soggetti pericolosi, Meltemi, Roma 2001, pp. 168, € 14,46 ISBN 88-8353-081-0

Un lampo di velato erotismo attraversa la lingua di un celebre passaggio dei Promessi sposi e investe Lucia. Solo un Marcovaldo, sussurrano le deliziose oscurità di Italo Calvino, è in grado di leggere Marcovaldo. Fabrizio Corbera, principe di Salina, non è certamente un gattopardo e forse neppure il Gattopardo. Come in un poliziesco, queste e altre fulminee scoperte, da Dante ad Andrea Camilleri, scaturiscono dalle indagini svolte da Nunzio La Fauci. E se la letteratura altro non è che l'arte del linguaggio, l'autore suggerisce a chi legge di confidare al linguaggio, semplicemente, ogni sua curiosa inquietudine, il desiderio di capire, la ricerca del piacere.

INDICE
Presentazione di Riccardo Ambrosini; Il pianto di Lucia; La lingua e la mano di frate Simone da Lentini; Il bugiardo e la grammatica: sopra una e della Commedia; Marcovaldo, con gli occhi di Marcovaldo; Il lucore oscuro del viaggiatore; Trame del Gattopardo; "Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi"; Le tre porte del Gattopardo; "...il loro pazzesco gioco a nascondersi, a mostrarsi"; Prolegomeni ad una fenomenologia del tragediatore: saggio su Andrea Camilleri; Controcifra; Indice dei nomi.


Lo spettro di Lampedusa, Edizioni ETS, Pisa 2001, pp. 112, € 11,36 ISBN 88-467-0452-5

"Caro La Fauci, sono rimasto affascinato dal Suo Spettro di Lampedusa..."

"Bisogna sempre lasciare gli altri nei loro errori": beffardo e implacato, lo spettro del principe di Lampedusa si aggira tra i saloni, gli appartamenti privati, le soffitte, le scuderie del labirintico palazzo della letteratura in cui Giuseppe Tomasi, prima lungamente da lettore, poi da scrittore per una breve stagione, spese gli anni della sua vita mortale. I modi eleganti, cortesi e impenetrabili di quello spettro vanificano da più di quaranta anni gli esorcismi di coloro che hanno provato a renderne innocua l'espressione, coprendo i suoi sussurri coi loro strilli. Nunzio La Fauci si è inoltrato silenzioso in quel palazzo e si è mosso incontro a Lampedusa con cautela. Ne ha ascoltato così la voce fioca e le ragioni sommesse: parole che non si possono udire senza rabbrividire.


Foglie di cactus. Settantasei aforismi, Edizioni ETS, Pisa 2000, pp. 32, € 5,16 ISBN 88-467-0344-8

"Non ho il tempo di scrivere una lettera breve, perciò ne scriverò una lunga". Come dice il saggio, quantità dello scritto e tempo necessario alla scrittura stanno sovente in un rapporto inversamente proporzionale. Il tempo non deve essere mancato a Nunzio La Fauci per comporre i settantasei rapidi trattati contenuti in questo libretto. La loro forma pungente emana da un sistema di pensiero che, al pari di un cactus, è severo e colmo di succhi.


Forme romanze della funzione predicativa. Testi, teorie, tassonomie, Edizioni ETS, Pisa 2000, pp. 144, € 10,33 ISBN 88-467-0289-1

Gli strutturalisti americani del passato avevano un sogno riduzionista: ricondurre la sintassi, per intero, ai due criteri meccanicisti dell'ordine seriale e della costituenza. Questo sogno è naufragato da lungo tempo e fa ormai parte a buon diritto delle idee fallite del XX secolo...

INDICE
Presentazione di R. Ambrosini; Alla ricerca dei fondamenti paradigmatici della sintassi; Il y a un problème e C'è una soluzione. Ausiliari nella costruzione esistenziale; Tassonomia dei costrutti medi e ausiliari perfettivi in siciliano antico; Aggettivi e participi italiani (e romanzi) nella teoria della Gemmazione Predicativa; Negatività del dato nella teoria della Gemmazione Predicativa; Modularità della diatesi. Convergenze e divergenze grammaticali nel passivo; Riferimenti bibliografici; Indice analitico.


Per una teoria grammaticale del mutamento morfosintattico. Dal latino verso il romanzo, Edizioni ETS, Pisa 1997, pp. 88, € 7,23 ISBN 88-467-0030-9

Due millenni di attestazioni ricche e variegate, anche se disomogenee nello spazio e nel tempo: ecco la ragione che rende l'insieme composto da latino e romanzo uno dei bacini d'elezione della ricerca linguistica diacronica. La conseguente plurisecolare cura filologica e grammaticale ne ha fatto sortire un apparato metalinguistico imponente: ogni innovazione concettuale è così divenuta una sfida, ardua ma appassionante...

INDICE
Presentazione di R. Ambrosini; I. Prolegomeni fattuali, metodologici, teoretici; 1. Stato degli studi e questioni terminologiche; 2. Specola grammaticale; 3. Semplificazione? 4. Fondamenti paradigmatici della sintassi; 5. Manifestazioni della struttura sintattica: "Principio di Pertinenza" e orientamenti tipologici; II. Dal latino verso il romanzo; 1. Sintassi nucleare e sistema di marcatura della morfosintassi nominale latina; 2. Sintassi nucleare e sistemi di marcatura nella morfosintassi verbale latina: le diatesi; 3. Sintassi nucleare e sistemi di marcatura nella morfosintassi verbale latina: le concordanze; 4. Linee di frattura e ipotesi di sviluppo; 5. L'ausiliare HABEO: fantasma semantico di grammaticalizzazione; 6. Nascita d'un sistema di marcatura attivo/inattivo e reazioni connesse; 7. La riduzione dell'accordo del participio: fantasma fenomenico di grammaticalizzazione; 8. Sviluppo della diatesi passiva: marcature di elementi, marcature di processi grammaticali; 9. Verso una nuova considerazione degli sviluppi della flessione nominale latina: la categoria del caso; 10. Ipotesi di sistemi tardolatini tricasuali; 11. Semplificare le "semplificazioni"; 12. Idee ricevute e nuove prospettive; 13. Struttura funzionale e struttura fenomenica della flessione nominale latina: orientamenti di sviluppo; 14. Basi funzionali nello sviluppo di sistemi di marcatura nominale in rumeno; 15. Basi funzionali negli sviluppi romanzi di sistemi di marcatura pronominale; 16. Basi funzionali negli sviluppi della marcatura nominale in varietà romanze centrali e occidentali; 17. Sintassi nucleare e sviluppo della flessione nominale latina: grammatica fossile nel lessico romanzo; 18. Riflessioni conclusive; III. Epilogo critico-speculativo; 1. Diacronia e storia; 2. Variazione, mutamento, pertinenza; 3. Mutamento e facoltà di linguaggio; 4. Miseria delle teleonomie, sterilità dello scetticismo; 5. L'essere nella spiegazione del divenire; 6. Modi e ragioni di una ricerca che continua; Riferimenti bibliografici.


Objects and Subjects in the Formation of Romance Morphosyntax, Translated by Carol Rosen, IULC, Bloomington, Indiana 1994, pp. 102, $ 9.50

This monograph newly analyzes the genesis and evolution of Romance periphrastic verb forms, focusing on the typological forces that shaped the major variant systems of auxiliation and past participle agreement. La Fauci draws on resources rarely combined in one work: formal relational grammar together with ample material from studies on Late Latin. The diachronic process that first created Romance periphrastics is formalized with unmatched clarity. The synchronic discussion concentrates first on standard Italian, where participle agreement presents previously unsolved problems, and then seeks to parametrize the morphosyntactic systems of several modern Romance varieties while also interpreting the differences typologically.


Il telo di Pangloss. Linguaggio, lingue, testi, L'epos, Palermo 1994, pp. 240, € 15 ISBN 88-8302-061-8

Scrisse Novalis "Anche la grammatica è filologica, in parte; l'altra parte è filosofica". Intorno all'unità ideale di questa tripartizione disciplinare - grammatica, filologia, filosofia -, l'Istituto di filosofia e scienze dell'uomo dell'Università di Palermo ha organizzato il ciclo di seminari svoltosi dal gennaio al maggio 1994, i cui testi sono raccolti nel presente volume. Quella porzione di realtà che fornisce gli oggetti di studio alle discipline umanistiche, che gli studiosi di singole aree se ne rendano conto o no, è non solo fenomenicamente, ma spesso anche intrinsecamente linguistica: è, in breve, una realtà linguistica, che si atteggia nelle forme, saussurianamente tripartite, del linguaggio, delle lingue e dei testi...

INDICE
Premessa di N. La Fauci; Coscienza e realismo semantico di M. Di Francesco; La linguistica tra scienze nomotetiche e scienze idiografiche di G. Graffi; Alla ricerca del Gattopardo implicito di N. La Fauci; Il lessico nella semantica modellistica di D. Marconi; Luoghi comuni: un'ipotesi semiotica di G. Marrone; La voce e la scrittura: Derrida e Hegel di L. Samonà; La corda rotta: un problema iconologico di L. Scalabroni; Dalla narrativa al film: l'adattamento cinematografico di S. Volpe; L'indicalità dei nomi di A. Voltolini.


Oggetti e soggetti nella formazione della morfosintassi romanza, Giardini Editori e Stampatori, Pisa 1988, pp. 136, € 35 ISBN 88-427-0970-0


INDICE
Premessa; 1. Su alcuni temi, soprattutto recenti, della Grammatica relazionale; 2. Orientamenti tipologici di codifiche morfosintattiche: verso una considerazione relazionale; 3. Aspetti tipologici della formazione della morfosintassi romanza; 4. L'accordo del participio passato: per una comparazione strutturata; Conclusione; Riferimenti bibliografici.


Lexique-Grammaire des Langues Romanes. Actes du premier Colloque Européen sur la Grammaire et le Lexique Comparés des Langues Romanes, Palerme 1981, John Benjamins Publishing Company, Amsterdam/Philadephia 1984, pp. 360, € 125, $ 150 ISBN 90-272-3119-2 (con Alain Guillet)

Une méthodologie commune est la caractéristique principale des travaux qui sont réunis dans ces Actes du premier Colloque Européen sur la Grammaire et le Lexique comparés des Langues Romanes, où plusieurs équipes de chercheurs ont confronté leurs travaux sur des domaines définis de la syntaxe des langues romanes. La comparaison n'est pas une nouveauté en Linguistique Romane, une longue tradition a consacré cette approche. Ce qui est nouveau est un point de vue qui, bien que minimaliste au premier abord, s'est avéré fructueux au cours de la recherche...

TABLE DES MATIERES
Présentation des éditeurs; Avant-Propos par M. Gross; La notion de directionnalité dans les verbes de déplacement en allemand par F. Caroli; Les compléments de lieu comme compléments de verbe dans les constructions transitives italiennes par E. D'Agostino; L'infinitive en a des verbes locatifs intransitifs italiens par A. Elia; Le verbe causatif faire dans ses constructions nominales par J. Giry-Schneider; Etudes distributionnelles et analyse sémantique par G. Gross; La classe des verbes de mouvement en coréen et en français par Hong Chai-Song; Le prédicat nominal avec support avoir. Contribution à l'étude de la phrase simple par J. Labelle; Le seuil sémantique. Verbes à complétives et constructions à verbe support par N. La Fauci; La valeur heuristique de la comparaison linguistique. Un exemple concernant le français, l'espagnol et l'italien par B. Lamiroy; Les verbes de mouvement intransitifs du portugais par M.-E. de Macedo-Oliveira; Position de l'adjectif et coréférence en italien par L. Melazzo; Une construction à prédicat nominal: Luc a l'audace de mentir à Léa par A. Meunier; Les verbes psychologiques à complétive sujet en espagnol par C. Subirats; BibliographieAnnexes. Tables de constructions.


Costruzioni con verbo operatore in testi italiani antichi. Esplorazioni sintattiche, Giardini Editori e Stampatori, Pisa 1979, pp. 214, € 54 ISBN 88-427-0504-7

INDICE
Premessa; Costruzioni con verbo operatore; Tassonomie: proprietà sintattiche; Verbi operatori e entrate lessicali; Conclusione; Opere citate; Riferimenti bibliografici.